Strudel di mele e rosmarino

Durante il ferragosto sulla sabbia, una signora trentina è arrivata con questo strudel che ha incuriosito tutti. Buonissimo, saporito e diverso dal solito. Non mi ha dato la ricetta esatta, solo qualche accenno agli ingredienti ma penso di essere quasi riuscita nell’intento di copiarlo. In ogni caso questa sarà la mia versione !

strudel4

Ingredienti: 1 sfoglia pronta Buitoni rettangolare – 3 mele delicios bianche – 1 cucchiaio di marmellata di albicocca – 1 cucchiaio di miele -25 g. uvetta -10 g. pinoli – 1 cucchiaino di cannella – pangrattato q.b. – 1 rametto di rosmarino fresco – 1 uovo – zucchero a velo q.b. – semi di sesamo a piacere.

Unite in una padella le mele tagliate a fettine, l’uvetta ammollata in acqua e poi scolata, i pinoli, la marmellata ed il miele, la cannella.

Cucinate per 5 minuti girando spesso con un cucchiaio di legno e lasciate raffreddare il ripieno.

Tritate molto finemente gli aghi di un rametto di rosmarino ( la quantità sarà a vostro piacimento: io ho usato un piccolo rametto).

Disponete il ripieno sulla sfoglia srotolata ( con la sua carta forno) e cosparsa abbondantemente di pangrattato, spolverate con la polvere di rosmarino e chiudete bene i bordi. Adagiatela su una teglia, fate dei piccoli tagli sulla superficie, spennellate con il rosso d’uovo, spolverate di semi di sesamo e infine infornate per circa 20 minuti.
Cospargete con zucchero a velo prima di servire……e fatemi sapere cosa ne pensate!

Un vino da abbinare ? un Vin Santo Trentino Doc “ARELE”2006 Pravis

arele1
incucina.blog: Vin Santo Trentino Doc Arele Pravis

Trentino vin Santo Arele 

Un vino trentino, da uve nosiola 100%. Nel bicchiere si presenta con una veste color oro- ambrata. I profumi al naso richiamano confetture, caramello, fichi secchi e leggere note tendenti al salmastro. Al palato è morbido, avvolgente, con una componente dolce in perfetto equilibrio fra sapidità e freschezza; chiude con un finale decisamente persistente.

Ottimo a fine cena, in accompagnamento a dessert di vario genere e a pasticceria secca, si può sorseggiare anche da solo, a fine pasto, come vino da meditazione. Servire a 12°C

Seguitemi anche su Instagram, @incucina.blog

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...