Il panko: candido, leggero e croccante!

gratis2

Si definisce con il termine panko un particolare tipo di pangrattato preparato utilizzando pane bianco, tipico della cucina giapponese. Viene largamente utilizzato nella preparazione di fritti, grazie alla sua particolare leggerezza e croccantezza, data dal fatto che non frigge, al contrario del pangrattato tradizionale, ma ingloba aria, gonfiandosi, facendo scivolare via i grassi in frittura ed evitando che verdura, carne, pesce si impregnino di olio.

Eccoci quindi davanti ad un ingrediente che, sempre più spesso, troviamo nelle ricette di cucina. il panko è ormai un must per chi desidera aggiungere alle proprie creazioni culinarie un tocco di gusto e originalità in più, ma anche per chi ama portare in cucina una ventata di tradizione orientale. I giapponesi lo utilizzano principalmente per la preparazione dei cibi fritti, i quali così risultano apprezzabilmente light; al contrario del pangrattato nostrano, infatti, il panko non frigge e, gonfiandos, fa scivolar via i grassi. Ciò significa che la verdura, la carne e il pesce non si impregnano di olio. In compenso, poiché questa particolare panatura si presenta sotto forme di scaglie piuttosto grosse e non di polvere sottile, l’aderenza ai vari alimenti risulta più solida e così ne guadagna anche il sapore: provate a friggere i gamberi o la cotoletta di maiale (il tonkatsu) nel panko, proprio come fanno i giapponesi, e non tornerete più indietro e, se poi desiderate alzare il tiro, sperimentate l’abbinamento con la scampi e gamberi in tempura,  con le cozze gratinate, sulle verdure gratinate al forno.

Andiamo alla ricetta: procuratevi del pane bianco da tramezzino, ponetelo nel frullatore e frullate a velocità intermittente in modo da avere un risultato granuloso e areato. Ponete il panko così ottenuto su una teglia rivestita di carta da forno e fatelo essiccare in forno ventilato a 60 gradi per circa quindici minuti: si eliminerà tutta l’umidità tipica del pan tramezzino e si otterrà un risultato asciutto. Riponetelo in un barattolo ermetico e…buona cucina!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...